Catalogazione dei beni culturali

Le recenti evoluzioni avute nel settore ICT – Information Communication Tecnology, hanno portato e stanno portando reali benefici nel modo con cui concepire le nuove tecnologie dell’informazione al servizio dei Beni Culturali.

Alla base di queste potenzialità c’è la “smaterializzazione” del concetto di Bene Culturale, che per essere veicolato e fruito in rete, deve passare dalla digitalizzazione.
La catalogazione digitale dei Beni Culturali non ha più quindi solo il beneficio di una moderna tecnologia di archiviazione, in vista di un passaggio dell’informazione culturale su un supporto più resistente e sicuro, ma permette anche l’accesso nel circuito in rete dei Beni Culturali per un’accessibilità allargata a livello nazionale e internazionale.

Digitalizzazione.
Artedata realizza digitalizzazioni per archivi, musei e biblioteche di qualsiasi materiale di qualsiasi formato (manoscritti, periodici, riviste, mappe) mediante scanner professionale a planetario con ripresa dall’alto, provvisto di piano basculante per libri con luce polare fredda.
Il servizio di digitalizzazione comprende anche l’indicizzazione e produzione dei metadati in formato XML con applicazione di un set di metadati secondo lo schema MAG conforme agli standard della Biblioteca Digitale Italiana (MAG versione 2.0.1) per
Catalogazione
Artedata cataloga qualsiasi tipo di scheda ministeriale (A, BDM, D, F, MI, OA, PG, RA, S) secondo gli standard catalografici ICCD sia in fase di precatalogo cartaceo sia in fase di catalogazione digitale sui principali software ministeriali T3 e SIGEC

Fruizione online
Artedata offre soluzioni software per l’archiviazione e fruizione online su Internet o Intranet di beni culturali e beni librari (fotografie, manoscritti, periodici, libri) ed è in grado di utilizzare programmi già preposti o realizzare qualsiasi software per la gestione online (web based) di archivi in rete ad accesso riservato e in assoluta sicurezza. La pubblicazione online prevede l’indicizzazione e attribuzione dei metadati in formato XML secondo lo schema MAG 2.0.1 e su ruchiesta applichiamo logaritmi di protezione e marchiatura visibile o invisibile sulle immagini online (watermarking).

Elenco dei servizi:
– Campagne fotografiche per cantieri di restauro;
– Campagne fotografiche per Musei e Chiese
– Indagini fotografiche in luce diffusa
– Indagini fotografiche in luce radente
– Indagini fotografiche in luce transilluminata su dipinti, disegni e manoscritti
– Indagine fotografica in fluorescenza ultravioletta (U.V.)
Ultimi lavori realizzati:
2012. Catalogazione digitale di foto antiche dell’Archivio ALSIA della Regione Basilicata
Committente: ALSIA Basilcata
2010. Catalogazione di Beni Archeologici secondo lo standard ICCD – Scheda RA per tutti i reperti archeologici del Museo Conca delle Gravine in deposito presso la Soprintendenza dei beni archeologici della Puglia (Taranto)
Committente: Comune di Ginosa (BA)
2008. Catalogazione di fotografie d’arte del prestigioso archivio Franco Maria Ricci
Committente: FMR spa

 

Contattaci per un preventivo senza impegni.

Translate »